La visita di Stefano FARINA 30 marzo 2015

Un progetto impegnativo, articolato e altamente professionale perseguito da Stefano Farina, commissario CAN B, che si pone diversi obiettivi: cercare conferme per la Serie A, gestire i talenti per il futuro, gestire il confronto. Stefano Farina porta la Sezione di Agrigento per più di due ore, a vivere un giorno in Serie B, nella quale, come afferma lo stesso Farina, non vi si arriva per caso. Per la quinta volta il dirigente ligure visita la Sezione di Agrigento, la prima risale al 2007, poi altre tre volte (nel 2008, nel 2010 e nel 2013). Ad attenderlo vi era una sala gremitissima di associati agrigentini, tutti i componenti e collaboratori del Comitato Regionale Arbitri della Sicilia, il Presidente della Commissione Disciplina Regionale Sergio Grosso, i dodici Presidenti di Sezione siciliani, il componente CAI Michele Cavarretta, gli arbitri siciliani in forza alla Serie B e tanti altri ospiti. Ha aperto i lavori il Presidente della locale Sezione Antonio Lo Giudice, dando il benvenuto agli ospiti e ringraziando tutti i presenti, passando subito la parola per i saluti al Delegato provinciale FIGC-LND di Agrigento Stefano Valenti, al Presidente del Comitato Regionale Arbitri della Sicilia Giuseppe Raciti e al Componente del Comitato Nazionale dell’AIA Rosario D’Anna.
«La Serie B è un campionato difficile da dirigere – ha esordito Farina – le squadre non hanno il livello tecnico della massima serie, ma l’agonismo è notevole e tutti ci tengono a vincere; a noi, comunque, non interessa semplicemente gestire il campionato, e quindi cerchiamo di evitare l’errore, di affrettare troppo i passi di un elemento ancora inesperto introducendolo in un contesto per il quale probabilmente non è pronto». È fondamentale quindi l’azione del designatore perché sbagliare significa “bruciare” un arbitro e poi ci vogliono dei mesi per recuperarlo.
Importante in queste categorie è il riferimento al gruppo: «Quando si parla di squadra – continua Farina – bisogna dimostrarlo con i fatti. All’interno di questa comune esperienza, tutti devono essere in sana competizione con tutti, finalizzata a migliorare il livello generale valorizzando le qualità individuali; essere consapevoli di esserci e sapersi in un ampio progetto». E per raggiungere questi traguardi è necessaria una certa non indifferente motivazione: «Il nostro investimento deve essere per tutti quei giovani che credono in questa attività, che vogliono crescere; arbitrare non è solo fare attività sportiva: ad ogni livello è una cosa seria, il contesto vede nel direttore di gara la figura che deve dare garanzie sul rispetto delle regole, quindi noi dobbiamo studiare, aggiornarci, e non possiamo limitarci a guardare le partite come un tifoso qualsiasi, ma essere studiosi e cultori del gioco per trarne importanti informazioni».
La lezione prosegue con la visione di molti filmati a scopo didattico, da cui emerge la necessità di studiare approfonditamente schemi, giocatori e tattiche per non farsi trovare impreparati. Ha anche supportato la visione dei filmati con esplicazioni pratiche in cui è stato coadiuvato dal Presidente Lo Giudice e dal giovane arbitro siciliano Gemelli della Sezione di Messina chiamato dalla sala.
L’attenzione è rimasta alta fino alla fine grazie ad alcuni ingredienti importanti: il rigore tecnico della lezione, alcuni stimoli verbali di un esperto psicologo e improvvise battute che hanno strappato sorrisi e applausi, e solo l’ora tarda ha costretto l’ospite a porre fine al suo intervento, per permettere a tutti di andare a cenare, con la consapevolezza di essere usciti più ricchi di come si era entrati. Tutti hanno compreso, alla fine della riunione, che per essere un grande arbitro, per imporsi su palcoscenici importanti, non basta correre ed essere un grande conoscitore del regolamento (doti necessarie che si danno per scontate) ma bisogna usare la testa in qualsiasi cosa che si fa, mantenersi equilibrati, offrire dialogo e ottenere rispetto, solo così un arbitro può raggiungere i propri sogni.
La serata si è protratta nella stessa struttura alberghiera, con la cena, che ha concluso la quinta visita ufficiale di Stefano Farina nella Città dei Templi. Grande lavoro per l’organizzazione dell’evento da parte di tutti gli associati agrigentini, guidati dal Presidente Antonio Lo Giudice, che ha curato nei minimi dettagli l’intera manifestazione.

 147101184
1441141143133162148

Venerdì 20 Marzo R.T.O. con Stefano Farina 16 marzo 2015

Venerdì 20 Marzo 2015 alle ore 19:00 presso la sala congressi del “Hotel Della Valle” di Agrigento, si svolgerà alla presenza del Commissario Can/B Stefano Farina la Riunione Tecnica Obbligatoria del mese di Marzo.
Per Stefano si tratta della quinta visita alla nostra sezione.

Conviviale di fine stagione – 08/06/2007
Conviviale di fine stagione – 20/06/2008
Conviviale di fine stagione – 11/06/2010
farina22Riunione Tecnica Sezionale – 19/04/2013

Fabio Pasciuta in diretta TV su Rai Sport 1 27 febbraio 2015

 
Campionato Nazionale Serie D girone F
Sabato 28/02/2015 ore 14:00
Stadio “Helvia Recina” di Macerata
 
MACERATESE
V/S
SAN NICOLO CALCIO TERAMO
 
Arbitro Fabio Pasciuta di Agrigento
Assistente 1 Marco Della Croce di Rimini
Assistente 2 Alessandro Salvatori di Rimini
                

Quote associative 2015 17 febbraio 2015

60EuroSchein
Sono in riscossione le quote associative per l’anno 2015. 
Il pagamento può essere effettuato tramite bonifico bancario presso il conto sezionale:
Banca San Francesco

Filiale di Agrigento
IBAN: IT 42 U 08969 16600000000041140
intestato a:
SEZIONE ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI DI AGRIGENTO
con causale: COGNOME NOME QUOTE 2015.
Oppure si può pagare in contanti al Cassiere di sezione presso la sede sezionale.
Si ricorda infine che il termine ultimo di pagamento, così come stabilito dal Regolamento AIA, è fissato al 31 Marzo c.a.

Il Presidente del C.R.A. in visita alla Sezione di Agrigento 23 gennaio 2015


Immagine 034

La Sezione di Agrigento ha ospitato il Presidente del Comitato Regionale Arbitri, Giuseppe Raciti, mercoledì 14 gennaio in occasione della consueta Riunione Tecnica Obbligatoria. Un importante e atteso appuntamento per gli associati agrigentini, che hanno ospitato, oltre al Presidente CRA, anche il responsabile della Delegazione Provinciale della F.I.G.C. di Agrigento, Prof. Stefano Valenti, quest’ultimo alla sua prima visita presso la Sezione dopo la sua nomina avvenuta all’inizio della corrente stagione sportiva.
In un salone gremito di associati, il Presidente di Sezione, Antonio Lo Giudice, nel presentare gli ospiti della serata, ha evidenziato l´eccellente lavoro che sta svolgendo questo C.R.A. ricordando agli arbitri di avere in regione la presenza di numerosi formatori la cui missione è solo quella di permettere una graduale crescita dei giovani arbitri con l’ambizione di raggiungere eccellenti risultati.
Dopo, l’immancabile intervento del nostro collega e Vice Presidente del CRA Armando Salvaggio e i saluti del Prof. Valenti, prendeva la parola il C.R.A. Sicilia, Raciti che con ottima oratoria e appassionanti argomenti, ha intrattenuto i presenti per oltre un´ora, riuscendo a non far mai calare l´attenzione e tenendo tutti i presenti “incollati”.  Egli ha voluto spronare con le sue parole i giovani colleghi ad avere passione per l´arbitraggio, invitandoli ad impegnarsi quotidianamente sia sul campo che nella vita di tutti i giorni. Raciti ha poi fatto il punto sulla situazione degli associati isolani, soffermandosi in particolare su quelli agrigentini, con l’invidiabile nomina ad Arbitro Internazionale di Beach Soccer del nostro collega Giuseppe Sicurella. A chiusura del suo intervento, dopo aver ricordato i punti cardine della sua gestione, che sono “meritocrazia e trasparenza”, ha esortato i giovani arbitri a continuare ad espletare il loro mandato sempre con impegno e serietà.
L’incontro è terminato con la consegna del dono con il quale il presidente C.R.A. ha voluto omaggiare la sezione di Agrigento: un bellissimo scudetto in ceramica, realizzato artigianalmente, raffigurante un tricolore con gli effigi dell’A.I.A. e del C.R.A. Sicilia.
Immagine 114 Immagine 108 Immagine 099 Immagine 085 Immagine 039 Immagine 001

Benvenuto a 16nuovi arbitri 23 gennaio 2015

corsoMartedì 06 gennaio, presso i locali sezionali si sono svolti gli esami del corso arbitri della stagione sportiva 2014-2015. Prima di sostenere i test tecnici, i ragazzi hanno conosciuto il Presidente del CRA Sicilia Pippo Raciti (presidente della Commissione) e il suo Vice Armando Salvaggio,  
gli esami si sono conclusi con la promozione di 16 aspiranti arbitri.
Il Presidente Antonio Lo Giudice, molto soddisfatto della preparazione dei ragazzi, ha voluto ringraziare tutti gli associati che si sono alternati durante il corso che con professionalita’ hanno tenuto le lezioni di formazione, e ai sedici nuovi arbitri della Sezione di Agrigento ha augurato una carriera piena di soddisfazioni.

Chillura e Geraldi promossi in Prima Categoria 18 gennaio 2015

logo-aia-ag chilluras geraldi cra

Sabato 17 gennaio 2015 i colleghi Stefano Chillura e Geraldi Pier Calogero hanno partecipato al raduno Regionale di tutti gli arbitri proposti dalle sezioni per  l’inquadramento presso il CRA Sicilia.
Sia Stefano che Calogero hanno brillantemente superato le prove atletiche/tecniche e pertanto esordiranno nei prossimi giorni nel campionato Regionale di Prima Categoria.
Il Presidente Antonio Lo Giudice, il Presidente Onorario Giuseppe Liberto, il Consiglio Direttivo e tutti gli Associati, si congratulano con Stefano e Clogero per il traguardo  raggiunto.